Author Topic: I coloranti alimentari secondo le normative UE  (Read 6939 times)

0 Members and 1 Guest are viewing this topic.

Offline Sciua

  • Moderatori
  • Civetta Tre stelle Michelin
  • *****
  • Posts: 11527
Re:I coloranti alimentari secondo le normative UE
« Reply #15 on: Wednesday, 06, November 2013, 12:42:51 PM »
No Laura
i coloranti da te elencati sono commestibili, un ingrediente non commestibile è un'altra cosa
semplicemente le normative sono diverse da paese a paese e quindi una cosa che negli USA è di libera vendita in Italia non lo è


Anche i primi!?





Noi proibiamo i coloranti sintetici AZOICI perché hanno un alto rischio allergizzante e neoplastico. http://www.sapere.it/enciclopedia/az%C3%B2ico.html
Però sono coloranti molto economici e molto "brillanti" e quindi vengono largamente usati. LA  Wilton riferisce di non usarli

per quanto riguarda la correttezza di chi vende.. non entro nel merito, dico solo che se non lo fa è perché non c'è una legge che impone di farlo e qui in Italia se non ti puntano un fucile alla tempia la legge non la rispetti, figuriamoci se la anticipi

quindi posso acquistare questi colori a detta di molti fantastici, forse i migliori, ed usarli come voglio...tanto in Italia nessuno me lo vieta.....

« Last Edit: Wednesday, 06, November 2013, 12:49:37 PM by Sciua »
Non si vede bene che con il cuore. L'essenziale è invisibile agli occhi. Antoine de Saint-Exupéry  - Piccolo Principe

:vento:  :piedino:   Laura

Offline frugiter

  • Global Moderator
  • Civetta Tre stelle Michelin
  • *****
  • Posts: 10446
  • alle critiche non si ribatte, le si ascolta
    • applicazioni in cucina
Re:I coloranti alimentari secondo le normative UE
« Reply #16 on: Wednesday, 06, November 2013, 12:59:37 PM »
Anche i primi!?

sì anche quelli scritti in rosso
la dicitura precauzionale è stata scritta per pararsi il di dietro nei confronti della legge italiana
è un po' come la dicitura: contiene piccole parti che possono essere ingerite e quindi non ammesso per l'uso in bambini sotto i 3 anni scritta anche su oggetti che nessuno si sognerebbe di dare ad un lattante

Ministero della Salute – Ordinanza 29.1.2010 (G.U. 40/2010) Misure urgenti in merito alla tutela della salute del consumatore con riguardo al settore della ristorazione
Considerato che l'Autorità sanitaria, nell'ambito di controlli effettuati nel settore della ristorazione ha accertato la presenza e l'utilizzazione di additivi e miscele di additivi etichettati in modo non conforme alla normativa vigente in materia e, comunque, in modo tale da poter costituire un rischio per la salute pubblica;
considerato, in particolare, che l'assenza delle istruzioni per l'uso sull'etichetta degli additivi, delle miscele di additivi alimentari e ingredienti impiegati nella ristorazione può comportare un rischio per i consumatori con esigenze dietetiche particolari;
ritenuto necessario introdurre disposizioni urgenti nel settore della ristorazione con particolare riguardo alla detenzione e all'impiego di additivi e miscele di additivi alimentari;
ordina
Art. 1
•A chiunque operi nel settore della ristorazione é fatto divieto di detenere e di impiegare additivi e miscele di additivi alimentari per i quali la normativa vigente ha stabilito campi e dosi massime di impiego, fatto salvo l'impiego di edulcoranti, a condizione che sia garantita la corretta informazione.
Art. 2
•1. Chiunque operi nel settore della ristorazione deve assicurare la corretta informazione ai consumatori sull'aggiunta di additivi e di miscele di additivi nelle preparazioni alimentari dallo stesso effettuate. 2. Chiunque operi nel settore della ristorazione deve informare il consumatore sull'eventuale presenza di allergeni di cui al decreto legislativo 114/2006 negli additivi e miscele di additivi impiegati.


quindi solo gli addetti alla ristorazione hanno l'obbligo di avvertire i consumatori finali sugli additivi che usano nelle loro preparazioni

La nuova valutazione di tutti i coloranti alimentari approvati in passato ed elencati nella Dir. 94/36 deve essere ultimata entro il 31.12.2015

Un buon numero di coloranti (21) sono già stati rivalutati con eliminazione del Red 2G (E128) e del Brown FK (E154)in quanto è stato appurato che passano nel sangue e sono cancerogeni

Prossime rivalutazioni:
2011 Indigotina
2012 Patent blue
2015 altri

del resto ci sono delle incongruenze anche nelle leggi italiane
per esempio alcuni coloranti non sono ammessi per l'uso diretto alimentare umano ma vengono permessi nei mangimi  per colorare le carni di trote e salmoni o il guscio delle aragoste
:brood: quando non piaci a nessuno devi avere ragione, altrimenti non vali niente. Dr House :vicki:  applicazioni in cucina

Offline frugiter

  • Global Moderator
  • Civetta Tre stelle Michelin
  • *****
  • Posts: 10446
  • alle critiche non si ribatte, le si ascolta
    • applicazioni in cucina
Re:I coloranti alimentari secondo le normative UE
« Reply #17 on: Wednesday, 06, November 2013, 01:05:06 PM »
Il  negoziante può importare e vendere prodotti fino a prova contraria, cioè fintanto che una legge non impedirà tout court l'entrata in italia di sostanze proibite, diciture tranquillizzanti o meno
Però tu che fai le torte e le vendi devi per legge avvisare il consumatore finale ( e quindi chi ti commissiona le torte) sulla qualità degli additivi che utilizzi e sulle loro limitazioni  altrimenti sei passibile di sanzione
:brood: quando non piaci a nessuno devi avere ragione, altrimenti non vali niente. Dr House :vicki:  applicazioni in cucina

Offline Sciua

  • Moderatori
  • Civetta Tre stelle Michelin
  • *****
  • Posts: 11527
Re:I coloranti alimentari secondo le normative UE
« Reply #18 on: Wednesday, 06, November 2013, 02:17:12 PM »
Vic....sei sempre molto molto esaustiva e convincente  :ghghgh:

ed hai ragione...siamo in Italia e le contraddizioni so possibili.....

a sto punto davvero vorrei provare la "fantasticità" di questi coloranti....tanto a sto punto uno vale l'altro, nel senso che sia W o S o A in tutti è contenuto qualcosa che in Italia non è ammesso
Non si vede bene che con il cuore. L'essenziale è invisibile agli occhi. Antoine de Saint-Exupéry  - Piccolo Principe

:vento:  :piedino:   Laura

Offline frugiter

  • Global Moderator
  • Civetta Tre stelle Michelin
  • *****
  • Posts: 10446
  • alle critiche non si ribatte, le si ascolta
    • applicazioni in cucina
Re:I coloranti alimentari secondo le normative UE
« Reply #19 on: Wednesday, 06, November 2013, 02:58:26 PM »
sono molto buoni.. li usava una ragazza brasiliana con cui feci un corso due anni fa.. la sua pdz aveva dei colori spettacolari
:brood: quando non piaci a nessuno devi avere ragione, altrimenti non vali niente. Dr House :vicki:  applicazioni in cucina

Offline Sciua

  • Moderatori
  • Civetta Tre stelle Michelin
  • *****
  • Posts: 11527
Re:I coloranti alimentari secondo le normative UE
« Reply #20 on: Wednesday, 06, November 2013, 03:56:30 PM »
sono molto buoni.. li usava una ragazza brasiliana con cui feci un corso due anni fa.. la sua pdz aveva dei colori spettacolari

quindi anche tu ne hai già sentito parlar bene?!
anch'io ho letto del fatto che son molto intensi ed i colori che si ottengono son bellissimi con poco prodotto....
allora non ci resta che provare   :sdent:
Non si vede bene che con il cuore. L'essenziale è invisibile agli occhi. Antoine de Saint-Exupéry  - Piccolo Principe

:vento:  :piedino:   Laura

Offline Daria

  • Administrator
  • Civetta Tre stelle Michelin
  • *****
  • Posts: 13429
  • Speriamo in una botta de.....
    • Se Pasticciando....
Re:I coloranti alimentari secondo le normative UE
« Reply #21 on: Wednesday, 06, November 2013, 04:18:00 PM »
perchè cripti le marche?  :hmm:
= :mscop: = :ideaf:     Se Pasticciando...

Offline frugiter

  • Global Moderator
  • Civetta Tre stelle Michelin
  • *****
  • Posts: 10446
  • alle critiche non si ribatte, le si ascolta
    • applicazioni in cucina
Re:I coloranti alimentari secondo le normative UE
« Reply #22 on: Wednesday, 06, November 2013, 04:20:54 PM »

ricordo che le chiedemmo come fare per avere colori così belli (un rosso spettacolare) e lei ci disse allora che questa marca in Italia non si vende .. che ne basta poco per colorare normalmente mentre per avere il colore brillante basta metterne il doppio



pasta di zucchero colorata con quei colori
:brood: quando non piaci a nessuno devi avere ragione, altrimenti non vali niente. Dr House :vicki:  applicazioni in cucina

Offline Sciua

  • Moderatori
  • Civetta Tre stelle Michelin
  • *****
  • Posts: 11527
Re:I coloranti alimentari secondo le normative UE
« Reply #23 on: Wednesday, 06, November 2013, 04:21:18 PM »
perchè cripti le marche?  :hmm:

perchè non ricordavo se potessi metterle  :sdent:

metto in chiaro!?


Grazie Vittoria...il fatto di poterne usare poco è un fattore a vantaggio della resa della pdz....secondo i colori, per aver toni scuri bisogna eccedere e si compromette la stabilità e consistenza della pasta
Non si vede bene che con il cuore. L'essenziale è invisibile agli occhi. Antoine de Saint-Exupéry  - Piccolo Principe

:vento:  :piedino:   Laura

Offline frugiter

  • Global Moderator
  • Civetta Tre stelle Michelin
  • *****
  • Posts: 10446
  • alle critiche non si ribatte, le si ascolta
    • applicazioni in cucina
Re:I coloranti alimentari secondo le normative UE
« Reply #24 on: Wednesday, 06, November 2013, 04:27:21 PM »
esatto...
è uno dei miei crucci  :sor:
:brood: quando non piaci a nessuno devi avere ragione, altrimenti non vali niente. Dr House :vicki:  applicazioni in cucina

Offline Sciua

  • Moderatori
  • Civetta Tre stelle Michelin
  • *****
  • Posts: 11527
Re:I coloranti alimentari secondo le normative UE
« Reply #25 on: Wednesday, 06, November 2013, 04:30:46 PM »
che poi mi vien da pensare  :hmm: :
se di quelli "legali" ,con limitati effetti collaterali, in Italia devo metterne un barattolo, mentre di quelli "loschi" :ghghgh: ne basta meno, alla fine le "controindicazioni" nell'uso finale non posson esser pressochè uguali?!
Non si vede bene che con il cuore. L'essenziale è invisibile agli occhi. Antoine de Saint-Exupéry  - Piccolo Principe

:vento:  :piedino:   Laura

Offline frugiter

  • Global Moderator
  • Civetta Tre stelle Michelin
  • *****
  • Posts: 10446
  • alle critiche non si ribatte, le si ascolta
    • applicazioni in cucina
Re:I coloranti alimentari secondo le normative UE
« Reply #26 on: Wednesday, 06, November 2013, 04:37:56 PM »
non è proprio così
dovrei leggere bene i componenti dei coloranti americolor
perché ci sono coloranti che in Italia ( e nella UE) non entrano proprio e sono banditi mentre possono essere usati in USA
è un po' come l'Aulin che in Francia (mi sembra) non può essere commercializzato e in Italia sì
In Italia i coloranti che possono dare allergia e disturbo dell'attenzione vengono ben dichiarati in etichetta, mentre quelli proibiti non vengono proprio introdotti nella composizione
:brood: quando non piaci a nessuno devi avere ragione, altrimenti non vali niente. Dr House :vicki:  applicazioni in cucina

Offline Daria

  • Administrator
  • Civetta Tre stelle Michelin
  • *****
  • Posts: 13429
  • Speriamo in una botta de.....
    • Se Pasticciando....
Re:I coloranti alimentari secondo le normative UE
« Reply #27 on: Wednesday, 06, November 2013, 04:59:11 PM »
perchè non ricordavo se potessi metterle  :sdent:

metto in chiaro!?


 :okk:
= :mscop: = :ideaf:     Se Pasticciando...

Offline Sciua

  • Moderatori
  • Civetta Tre stelle Michelin
  • *****
  • Posts: 11527
Re:I coloranti alimentari secondo le normative UE
« Reply #28 on: Wednesday, 06, November 2013, 05:07:29 PM »
non è proprio così
dovrei leggere bene i componenti dei coloranti americolor
perché ci sono coloranti che in Italia ( e nella UE) non entrano proprio e sono banditi mentre possono essere usati in USA
è un po' come l'Aulin che in Francia (mi sembra) non può essere commercializzato e in Italia sì
In Italia i coloranti che possono dare allergia e disturbo dell'attenzione vengono ben dichiarati in etichetta, mentre quelli proibiti non vengono proprio introdotti nella composizione

ok....o trovato gli "ingredienti" ma non ci capisco una mazza...
e a sto punto continuiamo ad usare quello "che è consentito".....e chissà quali altarini e lucri ci stanno dietro.....
proprio come per i farmaci  :sonno:



:okk:


vado!
:run:
Non si vede bene che con il cuore. L'essenziale è invisibile agli occhi. Antoine de Saint-Exupéry  - Piccolo Principe

:vento:  :piedino:   Laura

Offline Sciua

  • Moderatori
  • Civetta Tre stelle Michelin
  • *****
  • Posts: 11527
Re:I coloranti alimentari secondo le normative UE
« Reply #29 on: Wednesday, 06, November 2013, 05:11:32 PM »
e già che ci siamo faccio anche un altro nome RAIMBOW DUST...sui quali ho letto che non son destinati alle decorazioni commestibili...

siam messi bene va...converrà decorare solo dummies, fare torte di panna rigorosamente bianca e far torte da credenza  :sonno:
Non si vede bene che con il cuore. L'essenziale è invisibile agli occhi. Antoine de Saint-Exupéry  - Piccolo Principe

:vento:  :piedino:   Laura