Author Topic: Mistrà casalingo  (Read 838 times)

0 Members and 1 Guest are viewing this topic.

Offline frugiter

  • Global Moderator
  • Civetta Tre stelle Michelin
  • *****
  • Posts: 10446
  • alle critiche non si ribatte, le si ascolta
    • applicazioni in cucina
Mistrà casalingo
« on: Sunday, 13, November 2011, 02:58:54 PM »
perfetto in un cesto natalizio di specialità fatte con le nostre manine

Per il mistrà
1l di alcol a 90°,
15g di coriandolo,
25 g di semi di anice verde
5 g di semi di finocchio
1 arancia non trattata

Per lo sciroppo   
1,25 l di acqua,
1,25 kg di zucchero

Preparazione
Fate macerare per 8 giorni in alcol i semi di anice, di coriandolo, di finocchjo e la parte colorata della scorza dell'arancia (dopo averla ben lavata e asciugata) ricavata con un pelapatate. Trascorso questo tempo filtrate tutto attraverso un colino a maglie fini. Preparate poi uno sciroppo facendo bollire l'acqua e fatevi sciogliere lo zucchero: quando questo sarà freddo unitelo all'infuso alcolico. Imbottigliate in bottiglie di vetro scuro e chiudete ermeticamente. Lasciate poi riposare il mistrà almeno 1 mese prima di berlo.
:brood: quando non piaci a nessuno devi avere ragione, altrimenti non vali niente. Dr House :vicki:  applicazioni in cucina

Offline xena

  • Civetta Tre stelle Michelin
  • *******
  • Posts: 4963
  • [Sei grande]
Re:Mistrà casalingo
« Reply #1 on: Sunday, 13, November 2011, 03:18:10 PM »
non lo conoscevo questo,  :clap:
ANNA   :ciaoo:       :pc:

Offline moniapinti

  • Civetta Tre stelle Michelin
  • *******
  • Posts: 5727
Re:Mistrà casalingo
« Reply #2 on: Sunday, 13, November 2011, 08:49:36 PM »
che tipo di liquore è?  :352:
ridere e sorridere è una cosa meravigliosa fa bene a se stessi e agli altri     Monia

Offline C.Vetta

  • Vincitrice Concorso "Il più bel dolce di Primavera 2011"
  • Civetta Tre stelle Michelin
  • *******
  • Posts: 9675
  • When life gets you down, bake cake
    • La C.Vetta Pasticciona
Re:Mistrà casalingo
« Reply #3 on: Sunday, 13, November 2011, 10:06:44 PM »
anche il coriandolo in semi, vero?

Continui a tentarmi... :ufff:

Offline e_elisa

  • Vincitrice del Concorso "la Casetta decorata in Pandizenzero 2011"
  • Moderatori
  • Civetta Tre stelle Michelin
  • *****
  • Posts: 9497
  • I love cupcakes
Re:Mistrà casalingo
« Reply #4 on: Sunday, 13, November 2011, 10:40:49 PM »
Un bel digestivo  :okk:
                                      elisa        :donne:

Offline maurida

  • Global Smile Moderator
  • Civetta Tre stelle Michelin
  • *****
  • Posts: 9616
  • O.G.M. (Ogni Giorno Mangio)
Re:Mistrà casalingo
« Reply #5 on: Monday, 14, November 2011, 09:16:56 AM »
 :sorry: in questa sezione bazzico poco  :via39: non bevo  e se bevo sto male ...

Fru resto comunque affascinata  da tutto ciò  che fai con un po' di alcool .. zucchero e streusate varie  :ufff:

ricambio con una bella mozzichina .. eccola tutta per te :drink:

 :gkiss:
:camp:  me tocca de  pasticcia' ... pe' forza ...!!!! :esau:  e quindi :piccio: "Apprezzatemi adesso, eviterete la coda !" (A.Brilliant) :nose:

Offline frugiter

  • Global Moderator
  • Civetta Tre stelle Michelin
  • *****
  • Posts: 10446
  • alle critiche non si ribatte, le si ascolta
    • applicazioni in cucina
Re:Mistrà casalingo
« Reply #6 on: Monday, 14, November 2011, 01:13:48 PM »
Maurida che bellina... la metto nella mia firma se ci riesco

anche il coriandolo in semi, vero?

Continui a tentarmi... :ufff:

zizizizi tutto semi

che tipo di liquore è?  :352:

è un liquore dal forte sapore di anice, molto digestivo
è della famiglia del pastis, del sassolino , dell'anice vero e proprio
e di origine marchigiana e laziale come recita Wikipedia (quella vera  :coffee:)
Il mistrà è un liquore tipico marchigiano e laziale ottenuto per distillazione di alcol di vino e aromatizzato tramite l'infusione di anice (gradazione alcolica attorno ai 40°C-45°C).
Trae le sue origini dalla conquista dell'omonima città (situata a circa 8 km dall'antica Sparta) da parte della Repubblica di Venezia, avvenuta nel 1687 e terminata nel 1715. I veneziani scoprirono l'ouzo e lo portarono in patria battezzandolo con il nome della città conquistata. Da quel momento il mistrà divenne il liquore per eccellenza della Serenissima. Le dominazioni austriaca e francese segnarono il declino della sua popolarità in Veneto.
Il mistrà, a differenza dell'anisetta e della sambuca entrambi dal sapore dolce, ha un gusto molto secco che lo rende ideale per correggere il caffè ma può essere bevuto anche liscio. A Venezia era anche bevuto alla maniera dell'ouzo e del pastis francese, mischiato con acqua. Alla fine dell'Ottocento il mistrà venne riscoperto da Girolamo Varnelli che ne interpretò e perfezionò la ricetta, partendo dall'intenzione di creare un decotto contro la malaria per i pastori transumanti in Maremma, creando il Varnelli, l'Anice Secco Speciale, tipico prodotto marchigiano.
Essendo un prodotto di tradizione contadina normalmente viene prodotto e consumato in casa, il Varnelli invece, riconosciuto leader nel settore dell'anice, è commercializzato su vasta scala.
:brood: quando non piaci a nessuno devi avere ragione, altrimenti non vali niente. Dr House :vicki:  applicazioni in cucina

Offline moniapinti

  • Civetta Tre stelle Michelin
  • *******
  • Posts: 5727
Re:Mistrà casalingo
« Reply #7 on: Monday, 14, November 2011, 03:06:36 PM »
 :bo:


eccezionale come l solito  :educ:

 :gkiss: :gkiss: :gkiss:
ridere e sorridere è una cosa meravigliosa fa bene a se stessi e agli altri     Monia