Author Topic: L'isomalto  (Read 2373 times)

0 Members and 1 Guest are viewing this topic.

Offline frugiter

  • Global Moderator
  • Civetta Tre stelle Michelin
  • *****
  • Posts: 10445
  • alle critiche non si ribatte, le si ascolta
    • applicazioni in cucina
L'isomalto
« on: Wednesday, 31, August 2011, 10:08:46 PM »
E’ uno straordinario sostituto dello zucchero, piacevolmente dolce, a basso contenuto calorico, sicuro per i denti. Queste le qualità dell’isomalto maggiormente apprezzate dai consumatori attenti alla salute. L’alto gradimento di isomalto da parte dei consumatori e dagli addetti ai lavori, ha determinato il suo utilizzo in un sempre crescente numero di prodotti di confetteria di alta qualità, e in molti altri prodotti tipo la pasticceria salata quale ideale alternativa agli zuccheri e ai dolcificanti tradizionali.
L’isomalto sostituisce lo zucchero in rapporto 1:1 mentre un dolcificante intensivo (tipo saccarina, l’aspartame, ecc…) non è in grado di conferire massa ad un prodotto finito, senza contare le controindicazioni anche gravi che hanno sull’organismo.
E’ derivato esclusivamente dallo zucchero.
Il principio naturale dell’isomalto è la barbabietola da zucchero. Attraverso un processo a due fasi i componenti dello zucchero, glucosio e fruttosio, vengono utilizzati per dare origine all’isomalto. Nella sua forma finale, ha lo stesso aspetto dello zucchero e, ormai come lo zucchero, è un ingrediente fondamentale nei prodotti di confetteria e nei prodotti dolciari in genere.
Con l’isomalto i valori del ph del cavo orale rimangono a livelli neutri mentre dopo l’assunzione di zucchero i valori del ph precipitano velocemente a livelli dannosi. Aiuta a prevenire la carie. I batteri del cavo orale, infatti, non lo possono utilizzare come fonte di energia il che impedisce loro di produrre acidi dannosi che sono i principali responsabili dell’insorgere della carie. Inoltre, riduce la formazione di placca favorendo la re-mineralizzazione e la formazione dello smalto dentale. Queste caratteristiche che hanno permesso a studiosi e dentisti di consigliare i prodotti realizzati con l’isomalto quali unici prodotti dolciari in gradi di prevenire la carie.
I diabetici che hanno la necessità di non far innalzare rapidamente i livelli di glucosio nel sangue, cosa che succede subito dopo l’assunzione di zucchero, traggono un grande beneficio dal prodotti realizzati con l’isomalto. Gli enzimi del copro umano ne digeriscono, infatti solo bassissime quantità e peraltro molto lentamente rispetto allo zucchero. Di conseguenza, il livello dello zucchero nel sangue non varia dopo l’assunzione di isomalto.
L’isomalto agisce come le fibre alimentari.
Proprio come le fibre alimentari dei fagioli, delle cipolle e di altri vegetali. ‘isomalto appartiene al gruppo dei carboidrati a bassa digeribilità. Questi carboidrati stimolano l’attività intestinale aiutano a combatter la stipsi. In alcune persone, un consumo eccessivo può provocare effetti lassativi. Testimonianze scientifiche dimostrano che, come per gli alimenti ricchi di fibre quali, per esempio, uva e prugne, se consumato in quantità modeste, è molto ben tollerato.
L’isomalto da un taglio alle calorie, infatti fornisce la metà delle calorie dello zucchero in quanto il corpo umano ne assimila il 50%.
L’isomalto non appiccica e fa magie con i sapori.
 Il sapore puro e maturale dell’isomalto non nasconde i sapori, ma al contrario li esalta e li potenzia. Assorbe pochissima acqua. Di conseguenza i prodotti di confetteria non risultano appiccicosi , non si sciolgono, né si ammorbidiscono a temperature estive o in caso di umidità. Pe esempio, le caramelle dure a base dii isomalto non necessitano di essere confezionate singolarmente e possono essere presentate in confezioni sicure per l’ambiente, e poco costose poiché non richiedono incarti supplementari.

L’isomalto in cucina.

E’ interessante scoprire anche le applicazioni che l’isomalto può avere nel salato. Uno dei problemi più grandi, infatti, quando si vuol preparare un impasto di pasticceria nella versione salata (per esempio una pasta frolla salata, biscuit salati, pan di spagna salati) è la mancanza dello zucchero nella struttura dell’impasto; togliendo lo zucchero da una ricetta, infatti, oltre ad eliminare il dolce, eliminiamo anche la struttura e la corposità dell’impasto in quanto viene meno una parte di “secco” nella ricetta:; ecco perché l’isomalto, dolcificando circa la metà del saccarosio (in pari quantità) è in grado di conferire all’impasto la stessa struttura della versione dolce, senza peraltro dolcificarlo troppo; inoltre aggiungendo il sale, eventuali formaggi e aromi salati, la parte dolce dell’isomalto viene completamente mascherata.

Isomalto come decorazione.


Si può affermare che l’isomalto stia soppiantando quasi del tutto le decorazioni classiche con zucchero tirato, soffiato e colato; infatti l’isomalto si comporta esattamente come lo zucchero, ma è decisamente più facile da lavorare. Permette di realizzare cotture semplici, senza carammellometro e senza aggiunta di glucosio, ottenendo masse decisamente più trasparenti e non ingiallite come il saccarosio.

(Luca Montersino)



ho scoperto questo prodotto studiando l'opera del maestro pasticciere campione mondiale Leonardo Di Carlo
questo sostituto dello zucchero, sigla identificativa E953,  scoperto negli anni 60, ha a vuto un boom a partire dagli anni 80. Si estrae dal saccarosio quindi è naturale al 100% anche se il meccanismo di estrazione è artificiale con idrogenazione catalitica, questo processo inoltre lo rende meno assimilabile (in misura del 50%) dall'intestino umano
ha la metà delle calorie dello zucchero a parità di potere dolcificante e senza retrogusti strani tpici di alcuni dolcificanti sintetici
essendo quindi zucchero il rapporto di sostituzione è 1:1
tra le sue qualità, oltre ad avere un basso indice glicemico e quindi essere indicato in diete ipocaloriche e per diabetici, non produce carie dentale, non si altera in cottura come l'aspartame.. tra i difetti, può avere effetto lassativo in caso di abuso
non è igroscopico, quinid assorbe pochisisma acqua e questo permette lavorazioni migliori nello zucchero artistico rispetto al saccarosio
sopporta le alte temperature ed è utilizzato in confetteria, gelateria e pasticceria
rispetto al semplice zucchero cotto può rimanere più a lungo sotto la lampada
per lavorarlo si mette in un pentolino di acciaio inossidabile   e si fa cuocere fino a 180°C, non di più ,se no diventa amaro, lo zucchero si scioglie e diventa trasparente come il vetro
si fa riposare  1 minuto nel pentolino e poi si versa sul silpat e si fa appena rapprendere.. non troppo perchè indurisce subito.. per colorarlo si mettono i coloranti collo stuzzicadenti come per colorare la pdz e poi si danno le pieghe come  per lavorare lo zucchero d'orzo con la differenza che questo indurisce primaaaaaaaaaaaaaaa aaa..
per avere uno zucchero più elastico si può aggiungere 1,5- 2 g di acqua per etto di isomalto a cottura ultimata
comunque ci vuole una manualità  pazzesca che io chiaramente non ho.. però è stato divertente ...
ecco i miei pasticciamenti
purtroppo non ho foto dele manipolazioni perchè non è possibile  con una mano sola data la rapidità davvero impressionante dell'indurimento dello zucchero

la confezione

come si presenta.. ma esistono diverse consistenze

comincia la trasformazione col calore

fine cottura

sul silpat

dopo le pieghe e la colorazione

ricciolo

foglie

« Last Edit: Friday, 24, February 2012, 09:23:36 PM by frugiter »
:brood: quando non piaci a nessuno devi avere ragione, altrimenti non vali niente. Dr House :vicki:  applicazioni in cucina

Offline zamira2011

  • Moderatori
  • Civetta Tre stelle Michelin
  • *****
  • Posts: 7127
Re:L'isomalto
« Reply #1 on: Wednesday, 31, August 2011, 10:54:00 PM »
prima o poi sperimenteremo pure questo..mi incuriosisce  :hmm:
Una stanza senza libri è come un corpo senz'anima.(Cicerone) La cosa importante non è cosa stai facendo,ma come stai eseguendo ciò che fai.(Joseph Pilates)
Stefania   :vento: :caval:  :zzzpc:  :pm:

Offline lucapasty

  • Civetta Cuoco di taverna
  • **
  • Posts: 554
Re:L'isomalto
« Reply #2 on: Friday, 02, September 2011, 12:18:56 AM »
 :quoto: e confermo quanto scritto sopra..Ci vengono delle rose,come questa


e per chi ha esperienza,tutti i soggetti in genere, che sono una favola...

Questa per esempio dovrebbe assomigliare ad una mela



Non appiccicano e non smollano come con lo zucchero normale..
« Last Edit: Friday, 02, September 2011, 12:38:04 AM by lucapasty »
Meglio amare con l'anima che non con il cuore,perchè il cuore smette di battere,mentre l'anima è viva per sempre

Offline Chiarastella

  • Administrator
  • Civetta Tre stelle Michelin
  • *****
  • Posts: 9661
  • Vento di novità.....
Re:L'isomalto
« Reply #3 on: Friday, 02, September 2011, 07:59:25 AM »
porca paletta!!!  :orpo: :orpo: :orpo: :orpo: che belleSSSa!!!

Fru, ma dico.. Fru... hai fatto tu quelle cosette carinizzime? ma tu non eri quella che non sapeva decorare?

 :nonci:   e  :nopar:

Luca... quella rosa e quella cipolla  mela.... voglio sapere come procedete... voglio provarci anche mi  :pugno:

Offline Daria

  • Administrator
  • Civetta Tre stelle Michelin
  • *****
  • Posts: 13429
  • Speriamo in una botta de.....
    • Se Pasticciando....
Re:L'isomalto
« Reply #4 on: Friday, 02, September 2011, 08:47:47 AM »

Luca... quella rosa e quella cipolla  mela.... voglio sapere come procedete... voglio provarci anche mi  :pugno:

 :quoto:
= :mscop: = :ideaf:     Se Pasticciando...

Offline moniapinti

  • Civetta Tre stelle Michelin
  • *******
  • Posts: 5727
Re:L'isomalto
« Reply #5 on: Friday, 02, September 2011, 03:11:30 PM »
con l'isomalto si fanno cose meravigliose e d'effetto.........certo è vero ci vuole un pò di pratica ..........

 :bighug:
ridere e sorridere è una cosa meravigliosa fa bene a se stessi e agli altri     Monia

Offline xena

  • Civetta Tre stelle Michelin
  • *******
  • Posts: 4963
  • [Sei grande]
Re:L'isomalto
« Reply #6 on: Thursday, 15, September 2011, 10:48:43 PM »
Che bello oggi lo cercavo ma non l'ho trovato  :cry3: :cry3: :cry3:
ANNA   :ciaoo:       :pc:

Offline e_elisa

  • Vincitrice del Concorso "la Casetta decorata in Pandizenzero 2011"
  • Moderator
  • Civetta Tre stelle Michelin
  • *****
  • Posts: 9497
  • I love cupcakes
Re:L'isomalto
« Reply #7 on: Friday, 16, September 2011, 10:10:11 AM »
che meraviglie devo provarlo!!!!!!!!!!!
                                      elisa        :donne:

Offline Sciua

  • Moderatori
  • Civetta Tre stelle Michelin
  • *****
  • Posts: 11525
Re:L'isomalto
« Reply #8 on: Wednesday, 30, November 2011, 08:27:16 PM »
Quanto mi incuriosisceeeeeeeee!

Credo che presto lo proverò :129:


 :bo: :gpost:
Non si vede bene che con il cuore. L'essenziale è invisibile agli occhi. Antoine de Saint-Exupéry  - Piccolo Principe

:vento:  :piedino:   Laura

Offline laurab

  • Civetta Sous-chef
  • ****
  • Posts: 1267
  • Io sono la madrina di NORA!!!!
Re:L'isomalto
« Reply #9 on: Wednesday, 30, November 2011, 09:02:40 PM »
ma dove si compera?
Laura

Offline frugiter

  • Global Moderator
  • Civetta Tre stelle Michelin
  • *****
  • Posts: 10445
  • alle critiche non si ribatte, le si ascolta
    • applicazioni in cucina
Re:L'isomalto
« Reply #10 on: Wednesday, 30, November 2011, 10:31:30 PM »
io lo compro on line
dove vendono prodotti per la pasticcieria
:brood: quando non piaci a nessuno devi avere ragione, altrimenti non vali niente. Dr House :vicki:  applicazioni in cucina

Offline IceWoman

  • Civetta Chef Royale
  • ******
  • Posts: 3243
  • Congelo tutto..... anche le civette!!!!!
Re:L'isomalto
« Reply #11 on: Wednesday, 25, January 2012, 10:33:23 PM »
posso usare un semplice tappeto di silicone anzichè il Silpat??? ho comprato i guanti giusti e vorrei provare questa lavorazione....  :flirty:

Offline e_elisa

  • Vincitrice del Concorso "la Casetta decorata in Pandizenzero 2011"
  • Moderator
  • Civetta Tre stelle Michelin
  • *****
  • Posts: 9497
  • I love cupcakes
Re:L'isomalto
« Reply #12 on: Wednesday, 25, January 2012, 10:53:25 PM »
Leggevo che è meno calorico dello zucchero e mi chiedevo in che quantità si può sostituire allo zucchero nelle ricette, pari peso?
E come costi?
                                      elisa        :donne:

Offline Daria

  • Administrator
  • Civetta Tre stelle Michelin
  • *****
  • Posts: 13429
  • Speriamo in una botta de.....
    • Se Pasticciando....
Re:L'isomalto
« Reply #13 on: Wednesday, 25, January 2012, 11:44:01 PM »
Leggevo che è meno calorico dello zucchero e mi chiedevo in che quantità si può sostituire allo zucchero nelle ricette, pari peso?
E come costi?

e come lo sciogli??
Io quando sciolgo l'isomalto ci metto un sacco di tempo!
= :mscop: = :ideaf:     Se Pasticciando...

Offline Dolce Candy

  • Civetta Sous-chef
  • ****
  • Posts: 1498
Re:L'isomalto
« Reply #14 on: Thursday, 26, January 2012, 08:07:24 AM »
 :ma46: che meraviglia.
porca paletta!!!  :orpo: :orpo: :orpo: :orpo: che belleSSSa!!!

Fru, ma dico.. Fru... hai fatto tu quelle cosette carinizzime? ma tu non eri quella che non sapeva decorare?

 :nonci:   e  :nopar:

Luca... quella rosa e quella cipolla  mela.... voglio sapere come procedete... voglio provarci anche mi  :pugno:
Anch'io voglio sapere come procedere.
La nostra Debby usa l'isomalto per le sue decorazioni e dice che non importa usare  i guanti appositi :tu Vittoria confermi?
Grazie  :gpost:
Aspetto con curiosità altre notizie
 :cuor:
Annarita