Author Topic: TECNICA PANARIA - conservare a lungo il lievito madre e riattivarlo  (Read 8462 times)

0 Members and 1 Guest are viewing this topic.

Offline frugiter

  • Global Moderator
  • Civetta Tre stelle Michelin
  • *****
  • Posts: 10442
  • alle critiche non si ribatte, le si ascolta
    • applicazioni in cucina
TECNICA PANARIA - conservare a lungo il lievito madre e riattivarlo
« on: Monday, 22, August 2011, 08:36:49 PM »
esistono due modi di conservare il lievito naturale
uno è tramite congelamento e uno tramite essiccazione
poichè il congelamento non mi riesce  ve ne parlo sommariamente ..

per l'essiccazione esistono due metodi: uno prevede la preparazione di scaglie e parte da un pastella, l'altro in vece prevede la preparazione di uno sfarinato e parte dal panetto

per la conservazione in scaglie si fa così

durante la preparazione della pasta madre per la panificazione, dalla fase di picco attiva e bollosa, dopo l'aggiunta di farina ed acqua, prelevare un poco di pastella,versarla su carta cerata, carta forno o pellicola e spargerla col dorso di un cucchiaio, a formare un sottile strato di pastella. Lasciar seccare completamente. Può bastare una notte o essere necessario più tempo, dipendendo dalla temperatura esterna e dallo spessore delle scaglie.
Una volta ben asciutta muovere la carta in modo che la pasta madre, ormai secca, si frammenti formando della specie di scaglie, simili a patatine.
Mettere queste scaglie in una busta di plastica con cerniera, scrivere il tipo di lievito e la data, chiudere bene e far uscire l'aria e tenere in frigo. Io ho utilizzato un normale sacchetto da freezer, senza cerniera, ma ho estratto l'aria e ho saldato con l'apposito apparecchio.

Joe dichiara che il lievito, così conservato, si tiene almeno 6 mesi, forse piú.

 Riattivazione del lievito "a lunga conservazione"
Per riattivarlo mettere le scaglie in uguali quantitá di acqua e farina e lasciar lievitare nel forno 12 ore. In realtà serve un poco di più di acqua che di farina, per ottenere la solita consistenza. La cosa funziona meravigliosamente bene; dopo le 12 ore in cui il lievito secco si riattiva ho fatto un solo rinnovo e poi ho usato la pasta madre attiva, che ha funzionato benissimo. Joe le prepara circa ogni 3 mesi
http://www.joejaworski.com/bread/bread1.htm

metodo con lo sfarinato

si unisce tanta farina senza acqua e si impasta; quando l'impasto è tornato "farina" si stende al fresco ad asciugarla e poi si mette in un sacchetto e si conserva in frigo a 4°C: per riutilizzarlo, si impasta mettendo dapprima solo l'acqua necessaria per fare una pasta e poi si procede ai rinfreschi successivi giornalieri finchè non riesce a triplicare in 4 ore (lievito maturo)


metodo con il congelamento

si rinfresca il lm con queste dosi: pari peso di farina e 45% di acqua (quindi deve venire più asciutto del solito). Si lascia a temperatura ambiente per un'ora (Minimo 25°C) e poi si appiattisce mettendolo in un sacchetto da sottovuoto.
dopo aver creato il sottovuoto si congela
 
per scongelare:
togliere il lievito dal freezer e porlo in frigo per 24 ore
rinfrescarlo con pari peso di farina, acqua a temperatura di 25°C nella misura del 44% e metterlo in cella di lievitazione a 28°C per 24 ore
prendere il cuore del lievito e ripetere esattamente l'operazione
ripetere le stesse operazioni per 3 giorni se la madre è poco acida; fino a 7 giorni se la madre è molto acida
a questo punto la madre è pronta non per la panificazione ma per i successivi rinfreschi che la porteranno al "lievito di tutto punto"

RIATTIVAZIONE DEL  MIO LIEVITO MADRE

riattivo con acqua(senza farina) pari alla metà del suo peso il venerdì sera



 il pomeriggio del giorno dopo, sabato alle 13, era così:


erano passate più di 12 ore /dalla sera prima a pomeriggio del giorno dopo
qui vi faccio vedere un particolare del siero che si forma quando il lievito ha passato la fase "di picco" cioè la massima attività fermentativa e sta andando in involuzione, cioè non va più bene per essere usato
il LM va usato nella sua massima espressione di fermentazione il che avviene quando raddoppia la massa rinfrescata in meno di tre ore


se avessi voluto panificare non avrei avuto un buon risultato..a vrei dovuto procedere con un altro rinfresco (chiaramente sto parlando di lievito madre "tutto punto" cioè pronto per panificare; questo appena risvegliato non lo è per niente)
adesso operiamo il primo vero rinfresco: pesiamo la cremina e la impastiamo con altrettanta farina e metà di acqua e operiamo con successivi rinfreschi a distanza ravvicinata per nutrirlo bene (circa ogni 6 ore) fino a che non vediamo che raddoppia in circa 3 ore.. allora è tornato alla forza originaria)
per aiutarlo si può usare una puntina di malto o di miele


eccola dopo 6 ore pronta per il successivo rinfresco (ore 17 circa di sabato)
 


la colorazione grigiastra sparisce gradualmente coi successivi rinfreschi (ore 23 di sabato, ore 5 di domenica, ore 11 di domenica, ore 17 di domenica, ore 23 di domenica..... )


« Last Edit: Monday, 15, July 2013, 01:30:29 PM by frugiter »
:brood: quando non piaci a nessuno devi avere ragione, altrimenti non vali niente. Dr House :vicki:  applicazioni in cucina

Offline e_elisa

  • Vincitrice del Concorso "la Casetta decorata in Pandizenzero 2011"
  • Moderatori
  • Civetta Tre stelle Michelin
  • *****
  • Posts: 9497
  • I love cupcakes
Re:TECNICA PANARIA - conservare a lungo il lievito madre
« Reply #1 on: Monday, 29, August 2011, 06:21:36 PM »
Questo è come è il mio lievito sigillato in frigo in questo momento!!!!!
                                      elisa        :donne:

Offline zamira2011

  • Moderatori
  • Civetta Tre stelle Michelin
  • *****
  • Posts: 7127
Re:TECNICA PANARIA - conservare a lungo il lievito madre
« Reply #2 on: Monday, 29, August 2011, 06:50:28 PM »
anche il mio è cosi...
Una stanza senza libri è come un corpo senz'anima.(Cicerone) La cosa importante non è cosa stai facendo,ma come stai eseguendo ciò che fai.(Joseph Pilates)
Stefania   :vento: :caval:  :zzzpc:  :pm:

Offline Chiarastella

  • Administrator
  • Civetta Tre stelle Michelin
  • *****
  • Posts: 9661
  • Vento di novità.....
Re:TECNICA PANARIA - conservare a lungo il lievito madre
« Reply #3 on: Monday, 29, August 2011, 10:25:09 PM »
IO non l'ho fatto  :???:
ho fatto un'estate a continuare i rinfreschi :facep:

Offline zamira2011

  • Moderatori
  • Civetta Tre stelle Michelin
  • *****
  • Posts: 7127
Re:TECNICA PANARIA - conservare a lungo il lievito madre
« Reply #4 on: Monday, 29, August 2011, 11:46:27 PM »
IO non l'ho fatto  :???:
ho fatto un'estate a continuare i rinfreschi :facep:

beata........tutta l'estate a far rinfreschi....
Una stanza senza libri è come un corpo senz'anima.(Cicerone) La cosa importante non è cosa stai facendo,ma come stai eseguendo ciò che fai.(Joseph Pilates)
Stefania   :vento: :caval:  :zzzpc:  :pm:

Offline Daria

  • Administrator
  • Civetta Tre stelle Michelin
  • *****
  • Posts: 13429
  • Speriamo in una botta de.....
    • Se Pasticciando....
Re:TECNICA PANARIA - conservare a lungo il lievito madre
« Reply #5 on: Monday, 29, August 2011, 11:53:42 PM »
IO non l'ho fatto  :???:
ho fatto un'estate a continuare i rinfreschi :facep:

 :quoto:

 :spec: sorella separata alla nascita!!
= :mscop: = :ideaf:     Se Pasticciando...

Offline C.Vetta

  • Vincitrice Concorso "Il più bel dolce di Primavera 2011"
  • Civetta Tre stelle Michelin
  • *******
  • Posts: 9675
  • When life gets you down, bake cake
    • La C.Vetta Pasticciona
Re:TECNICA PANARIA - conservare a lungo il lievito madre e riattivarlo
« Reply #6 on: Sunday, 04, September 2011, 07:22:27 PM »
 :bo: :bo: :bo:

io ho fatto pane tutta l'estate... ora mi preoccupa il trasloco a Milano  :ung: speriamo non rimanga traumatizzato di nuovo  :paur: userò acqua minerale per i rinfreschi  :mbe:

Offline zamira2011

  • Moderatori
  • Civetta Tre stelle Michelin
  • *****
  • Posts: 7127
Re:TECNICA PANARIA - conservare a lungo il lievito madre e riattivarlo
« Reply #7 on: Monday, 05, September 2011, 03:18:10 PM »
prossimamente procederò con la rianimazione... :strc:
Una stanza senza libri è come un corpo senz'anima.(Cicerone) La cosa importante non è cosa stai facendo,ma come stai eseguendo ciò che fai.(Joseph Pilates)
Stefania   :vento: :caval:  :zzzpc:  :pm:

Offline e_elisa

  • Vincitrice del Concorso "la Casetta decorata in Pandizenzero 2011"
  • Moderatori
  • Civetta Tre stelle Michelin
  • *****
  • Posts: 9497
  • I love cupcakes
Re:TECNICA PANARIA - conservare a lungo il lievito madre e riattivarlo
« Reply #8 on: Thursday, 22, September 2011, 11:51:59 AM »
Vorrei procedere alla rianimazione ma non ho capito come deve essere la consistenza cremosa quindi con più acqua?
una consistenza più molliccia dell'impasto classico?
E tutto quello che avanza dai rinfreschi ogni 6 ore va buttato?
                                      elisa        :donne:

Offline frugiter

  • Global Moderator
  • Civetta Tre stelle Michelin
  • *****
  • Posts: 10442
  • alle critiche non si ribatte, le si ascolta
    • applicazioni in cucina
Re:TECNICA PANARIA - conservare a lungo il lievito madre e riattivarlo
« Reply #9 on: Thursday, 22, September 2011, 12:10:40 PM »
la consistenza non deve essere cremosa, ma le prime volte diventa cremosa
se vedi la mia prima foto noti che è un po' più morbido del lievito tutto punto ma non è una pastella
il primo rinfresco si fa pesando la polvere e aggiungendo la metà del suo peso in acqua e impastado fino ad avere un composto omogeneo
rimanendo fermo tende a "sfasciarsi" ma coi successivi rinfreschi mantiene sempre meglio la forma
il surplus dei rinfreschi si può mettere in preparazioni panarie come additivo in quanto non ha ancora la potenza per far lievitare un impasto se non si desidera buttarlo via
(si può congelare in attesa di usarlo in qualche ricetta)
:brood: quando non piaci a nessuno devi avere ragione, altrimenti non vali niente. Dr House :vicki:  applicazioni in cucina

Offline e_elisa

  • Vincitrice del Concorso "la Casetta decorata in Pandizenzero 2011"
  • Moderatori
  • Civetta Tre stelle Michelin
  • *****
  • Posts: 9497
  • I love cupcakes
Re:TECNICA PANARIA - conservare a lungo il lievito madre e riattivarlo
« Reply #10 on: Saturday, 22, October 2011, 11:57:14 AM »
basta...oggi devo svegliarlo dal letargo estivo...poi faccio resoconto
Io rimando ogni giorno ed ora non ho più scuse visto che ho fatto riparare il forno!!!!!!!!!
                                      elisa        :donne:

Offline zamira2011

  • Moderatori
  • Civetta Tre stelle Michelin
  • *****
  • Posts: 7127
Re:TECNICA PANARIA - conservare a lungo il lievito madre e riattivarlo
« Reply #11 on: Saturday, 22, October 2011, 12:45:44 PM »
anche io rimando sempre....enemmeno oggi l'ho ancora fatto... :sdent:
Una stanza senza libri è come un corpo senz'anima.(Cicerone) La cosa importante non è cosa stai facendo,ma come stai eseguendo ciò che fai.(Joseph Pilates)
Stefania   :vento: :caval:  :zzzpc:  :pm:

Offline e_elisa

  • Vincitrice del Concorso "la Casetta decorata in Pandizenzero 2011"
  • Moderatori
  • Civetta Tre stelle Michelin
  • *****
  • Posts: 9497
  • I love cupcakes
Re:TECNICA PANARIA - conservare a lungo il lievito madre e riattivarlo
« Reply #12 on: Wednesday, 26, October 2011, 05:39:34 PM »
Vittoria se inizio di sera come hai fatto tu e aspetto le 12 ore poi dopo ogni 6 ore per forza devo impastare? o se passa un'ora o due in più fa lo stesso?
Ed ogni volta come se fosse un rinfresco quindi metà acqua e uguale farina?

Sono  :ung: :ung:  di perderlo!
                                      elisa        :donne:

Offline frugiter

  • Global Moderator
  • Civetta Tre stelle Michelin
  • *****
  • Posts: 10442
  • alle critiche non si ribatte, le si ascolta
    • applicazioni in cucina
Re:TECNICA PANARIA - conservare a lungo il lievito madre e riattivarlo
« Reply #13 on: Wednesday, 26, October 2011, 09:48:28 PM »
Vittoria se inizio di sera come hai fatto tu e aspetto le 12 ore poi dopo ogni 6 ore per forza devo impastare? o se passa un'ora o due in più fa lo stesso?
Ed ogni volta come se fosse un rinfresco quindi metà acqua e uguale farina?

Sono  :ung: :ung:  di perderlo!

le 6 ore sono indicative..
vuol dire che non dobbiamo far passare troppo tempo tra un rinfresco e l'altro .. questo per velocizzare la ripresa e migliorare in corsa l'acidità naturale del leivito
ogni volta come un rinfresco normale esatto  :yes: :yes: :yes:
:brood: quando non piaci a nessuno devi avere ragione, altrimenti non vali niente. Dr House :vicki:  applicazioni in cucina

Offline e_elisa

  • Vincitrice del Concorso "la Casetta decorata in Pandizenzero 2011"
  • Moderatori
  • Civetta Tre stelle Michelin
  • *****
  • Posts: 9497
  • I love cupcakes
Re:TECNICA PANARIA - conservare a lungo il lievito madre e riattivarlo
« Reply #14 on: Wednesday, 26, October 2011, 09:51:57 PM »
le 6 ore sono indicative..
vuol dire che non dobbiamo far passare troppo tempo tra un rinfresco e l'altro .. questo per velocizzare la ripresa e migliorare in corsa l'acidità naturale del leivito
ogni volta come un rinfresco normale esatto  :yes: :yes: :yes:
:okk:
Allora solo la prima pastella va tenuta 12 ore, domani procederei, stasera non mi sento pronta!
In quanto tempo il tuo è diventato nuovamente pimpante?
                                      elisa        :donne: