Author Topic: La Carsenta ( un po' brioche, un po' focaccia....)  (Read 18 times)

0 Members and 1 Guest are viewing this topic.

Offline frugiter

  • Global Moderator
  • Civetta Tre stelle Michelin
  • *****
  • Posts: 10443
  • alle critiche non si ribatte, le si ascolta
    • applicazioni in cucina
La Carsenta ( un po' brioche, un po' focaccia....)
« on: Saturday, 04, November 2017, 10:38:37 PM »
E' una focaccia neutra che può essere dolce (con zucchero in superficie) o salata (con olio e sale in superficie) e si prepara col "crsent" (crescente): un pezzo di pasta di pane da riporto, cioè avanzato dalla panificazione. Questa è la ricetta di casa mia , da me modificata col .lievito madre.
La ricetta è comune anche ad altre regioni, dove però aggiungono uvetta, fichi secchi o altri tipi di frutta. In Piemonte oltre che nell'Alessandrino si usa anche nel Monferrato (ai confini col Chiarese).
Utilizzando la pasta di riporto non si aggiunge alcun tipo di liquido, ma con il lievito madre ho notato che viene meglio aggiungendo dell'acqua.
Per questa ricetta è indispensabile una planetaria o il bimby, perchè il burro altrimenti non si incorpora bene, vista la scarsa idratazione della pasta.

Ingredienti per due focacce piccole o una grande:

200 g di pasta di riporto ( o lievito madre sciolto in 100 g di acqua)
400 g di farina adatta a lunghe lievitazioni
130 g di burro
5 tuorli di uovo medio (circa 20 g l'uno)
1 cucchiaino di sale
se la volete dolce: 1 albume e 2 cucchiai di zucchero
se la volete salata:  2 cucchiai di olio e un pizzico di sale

Mettere la pasta di riporto o il lievito madre nella planetaria, aggiungere la farina, le uova e un pizzico di sale e lavorare in prima velocità in modo da vere un impasto formato (circa 15/20 minuti)
Aggiungere il burro molto morbido a pezzettini facendolo assorbire prima di metterne altro. quando tutto il burro è stato incorporato portare in seconda velocità e lavorare 5 minuti in modo da incordare l'impasto e far sì che si stacchi dalle pareti e rimanga compatto intorno al gancio.
Riporre l'impasto in una ciotola coperto e lasciar lievitare tutta la notte.
La mattina successiva sgonfiare l'impasto e stenderlo in una teglia, all'altezza di 2,5 cm
coprire con un panno e lasciare lievitare di nuovo fino al raddoppio (col lievito madre occorrono circa 4 ore)

Nel frattempo accendere il forno a 180°C.
Bagnare la superficie della carsenta con albume leggermente sbattuto o olio e spolverare con zucchero o sale.
Io le ho fatte entrambe.

Cuocere la carsenta per  circa 40 minuti, o finchè non viene bella dorata

 Carsenta dolce con zucchero e chiara d'uovo



carsenta salata con olio e sale



 

:brood: quando non piaci a nessuno devi avere ragione, altrimenti non vali niente. Dr House :vicki:  applicazioni in cucina