Author Topic: MAMMA MI RACCONTI... MAGGIO  (Read 4202 times)

0 Members and 1 Guest are viewing this topic.

Offline frugiter

  • Global Moderator
  • Civetta Tre stelle Michelin
  • *****
  • Posts: 10446
  • alle critiche non si ribatte, le si ascolta
    • applicazioni in cucina
Re:MAMMA MI RACCONTI... MAGGIO
« Reply #15 on: Thursday, 15, May 2014, 04:03:00 PM »



15 MAGGIO

SO-CIO'-CHE-SO

So -ciò-che-so era una gattina gialla. Sapeva ciò che sapeva e le piaceva ciò che sapeva e pensava di sapere tutto ciò che si può sapere.
Un giorno la mamma le offerse di insegnarle ad arrampicarsi su di un albero. La gattina guardò su, su verso i rami sottili e ondeggiati e miagolò:
- Che cosa faremo quando saremo arrivate sull'albero?
-Scenderemo giù di nuovo - disse la mamma sorridendo.
- Ma se devo salire su di un albero e poi scendere giù di nuovo, tanto vale che resi dove sono: è la stessa cosa.
Così rimase a terra, tranquilla e sicura, finchè arrivò un cane che abbaiava furiosamente. Allora la gattina corse su per l'albero e si arrampicò barcollando e scivolando, finchè non trovò un ramo sicuro.
Di lassù però non riusciva più a muoversi e fu contenta quando arrivò la mamma e le insegnò a scendere.
La sera mangiò la cena senza fare i capricci e andò a letto senza dire una parola, perchè la gattina presuntuosa aveva imparato una grande lezione.
Aveva imparato che non sapeva tutto ciò che si può sapere, ma che le restavano tantissime cose da imparare: perciò decise di dare retta sempre  ai consigli e non si pavoneggiò mai più di ciò che sapeva.
:brood: quando non piaci a nessuno devi avere ragione, altrimenti non vali niente. Dr House :vicki:  applicazioni in cucina

Offline frugiter

  • Global Moderator
  • Civetta Tre stelle Michelin
  • *****
  • Posts: 10446
  • alle critiche non si ribatte, le si ascolta
    • applicazioni in cucina
Re:MAMMA MI RACCONTI... MAGGIO
« Reply #16 on: Friday, 16, May 2014, 09:09:22 PM »


16 MAGGIO

L'AQUILONE

Corre il bimbo
sulla spiaggia
e lo segue
l'aquilone
trattenuto
da uno spago.
Vola come avesse l'ali,
se lo lasci
segue il vento
e sparisce
in un momento.

:brood: quando non piaci a nessuno devi avere ragione, altrimenti non vali niente. Dr House :vicki:  applicazioni in cucina

Offline frugiter

  • Global Moderator
  • Civetta Tre stelle Michelin
  • *****
  • Posts: 10446
  • alle critiche non si ribatte, le si ascolta
    • applicazioni in cucina
Re:MAMMA MI RACCONTI... MAGGIO
« Reply #17 on: Saturday, 17, May 2014, 10:11:17 PM »


17 MAGGIO

UNA LEZIONE PER L'OCA.

L'Oca aveva un brutto vizio: si faceva imprestare le cose senza restituirle. Aveva una padella della Gallina, la lanterna del Gufo e la forma per le torte di Coniglietto.
- Dobbiamo usare molta diplomazia  e dare all'Oca una lezione - disse il Gufo saggio.
- Che tipo di diplomazia? domandarono gli altri.
- Dobbiamo farci imprestare qualche cosa da lei - disse il Gufo, lentamente, con serietà. - e dimenticare anche noi di restituirlo.
Tutti erano molto impressionati. Vennero a casa dell'Oca e le domandarono in prestito il suo furgoncino che le era molto caro.
- Certo prendetelo pure - disse l'Oca, che era anche generosa - però fate attenzione a guidare bene.
- Certo, grazie! - risposero gli altri.
L'Oca attese tutto il giorno il suo furgoncino e alla sera, non avendolo ancora visto di ritorno, era in terribile agitazione.
- In fini dei conti - gridò indignata - uno ha il diritto di badare alle cose proprie. Andrò a cercarli e a vedere cosa credono di fare con le cose altrui.
Corse alla rimessa per prendere la sua vecchia bicicletta. Quando la spostò dal suo angolo, vide la padella della Gallina, la lanterna del Gufo e la tortiera del COniglio, che erano state dimenticate.
Allora tutta l'ira le passò e si vergognò molto:
- Avrei dovuto restituire queste cose già da molto tempo  - si disse. Caricò tutto sulla carriola,  la le gò dietro alla bicicletta e partì pedalando furiosamente.
Quando la videro arrivare, gli amici le vennero incontro col furgoncino.
- Eccolo - dissero - Eri preoccupata?
- No, no, davvero - disse l'Oca parlando a fatica e restituendo velocemente tutte le cose che aveva preso in prestito - Va tutto bene.
- Visto? - disse il Gufo, accarezzando la sua lanterna - la nostra diplomazia ha funzionato.
Siccome l'Oca non prese mai più nulla in prestito senza restituirla prontamente, si deve proprio dire che il saggio Gufo, come al solito aveva avuto una brillantissima idea.
:brood: quando non piaci a nessuno devi avere ragione, altrimenti non vali niente. Dr House :vicki:  applicazioni in cucina

Offline frugiter

  • Global Moderator
  • Civetta Tre stelle Michelin
  • *****
  • Posts: 10446
  • alle critiche non si ribatte, le si ascolta
    • applicazioni in cucina
Re:MAMMA MI RACCONTI... MAGGIO
« Reply #18 on: Sunday, 18, May 2014, 09:36:19 PM »


18 MAGGIO

L'ACQUISTO

Sono entrato in un negozio
per comprare un bel gattino
e ne ho visti tanti,  cinque
tutti insieme in un cestino.

Voglio scegliere il più bello:
quello nero o il tigrato?
Quello bianco come neve
o il grigio un po' sfumato?

Non so proprio cosa dire
e decidere detesto:
"me li porto a casa tutti,
e si tenga pure il cesto".
:brood: quando non piaci a nessuno devi avere ragione, altrimenti non vali niente. Dr House :vicki:  applicazioni in cucina

Offline frugiter

  • Global Moderator
  • Civetta Tre stelle Michelin
  • *****
  • Posts: 10446
  • alle critiche non si ribatte, le si ascolta
    • applicazioni in cucina
Re:MAMMA MI RACCONTI... MAGGIO
« Reply #19 on: Monday, 19, May 2014, 05:12:48 PM »



19 MAGGIO

IL CAPPELLINO DI GIANNA

D'estate, d'inverno, in primavera o in autunno, il cappellino di Gianna era sempre rotondo. Qualche volta era marrone,, qualche volta azzurro, oppure di paglia, ma era sempre rotondo con due lunghi nastri. Gianna ne avrebbe voluto uno con un fiore, o una penna o qualcosa d'altro. Ma la mamma diceva sempre:
- C'è ancora tempo er queste cose - E comperava sempre gli stessi cappelli.
Un giorno la cugina grande di Gianna, che stava per sposarsi, scelse Gianna come damigella d'onore al matrimonio e scelse tutto ciò che Gianna avrebbe dovuto indossare. Era tutto molto bello, ma specialmente il cappello: aveva molti fiori ed una graziosa gala. Gianna era felice!
- Sta molto bene, vero? - domandò sua cugina.
- Sì certo - disse la mamma - e dopo la cerimonia sarà adattissimo per le festicciole e le passeggiate domenicali.
Gianna accarezzava i fiori del cappellino e non riusciva a capire perchè la mamma aveva detto che c'era molto tempo per queste cose.
A lei sembrava di non avere abbastanza tempo nella vita, per indossare spesso quel cappellino.
:brood: quando non piaci a nessuno devi avere ragione, altrimenti non vali niente. Dr House :vicki:  applicazioni in cucina

Offline frugiter

  • Global Moderator
  • Civetta Tre stelle Michelin
  • *****
  • Posts: 10446
  • alle critiche non si ribatte, le si ascolta
    • applicazioni in cucina
Re:MAMMA MI RACCONTI... MAGGIO
« Reply #20 on: Wednesday, 21, May 2014, 02:04:14 PM »




20 MAGGIO

LE ANITRE

Quando andiamo sul laghetto
alle anitre portiamo
di pan secco un belsacchetto
e glielo diamo.
Se lo mangian tutto e poi,
tanto ormai le conosciamo,
non ringraziano, ma noi
le perdoniamo

:brood: quando non piaci a nessuno devi avere ragione, altrimenti non vali niente. Dr House :vicki:  applicazioni in cucina

Offline frugiter

  • Global Moderator
  • Civetta Tre stelle Michelin
  • *****
  • Posts: 10446
  • alle critiche non si ribatte, le si ascolta
    • applicazioni in cucina
Re:MAMMA MI RACCONTI... MAGGIO
« Reply #21 on: Wednesday, 21, May 2014, 02:58:02 PM »



21 MAGGIO

FEBBRE DI PRIMAVERA

- Nonno - disse Giorgio - per favore, suona qualche cosa col violino!
- Non ora - disse il nonno, che sonnecchiava sotto il portico al sole - Ho troppo sonno, a causa della febbre di primavera.
Giorgio domandò cosa fosse la febbre di primavera, ma il nonno brontolò e cominciò a russare.
Giorgio andò a passeggio intorno al granaio e nel cortile, pensando alla febbre di primavera. E notò una cosa molto strana. Tutti i vecchi animali sonnecchiavano: la vecchia gatta e la mamma dei porcellini , la capra, la pecora, la mucca e il cavallo.
Ma i loro piccoli non erano per niente addormentati, anzi. Tutti i giovani animali giocavano ed erano più vivaci del solito, nella mattinata primaverile, sembravano quasi selvaggi.
Mentre li osservava, Giorgio sentì uno stranp acuto profumo di erba nuova e di fiori nuovi e di sole. Improvvisamente si sentì selvaggio egli pure.
Si slanciò di corsa nel cortile tra le galline andando a zig-zsg come un cavallino  e giunse sotto il portico gridando:
- Nonno! Ora so cosa è la febbre della primavera. E' una cosa che si sente nell'aria e rende vivaci i giovani e assonnati i vecchi. Vero nonno?
- Come? - disse il nonno  allargando gli occhi e afferrando il violino - pensi così?
Cominciò a suonare d'impeto una musica indiavolata con un ritmo così veloce che Giorgio che ballava riusciva a malapena a  mantenere il tempo.
_ Forse io non so cosa sia la febbre di primavera - disse Giorgio dopo un poco col fiato grosso
- Forse no - disse il nonno ridendo e continuando a suonare e a ballare sempre più in fretta.
Giorgio ballando e saltando, libero in quel meraviglioso profumo di primavera decise che non gli importava nulla di sapere che cosa effettivamente fosse la febbre di primavera perchè egli e il nonno si divertivano molto

nota di vichipedia:
Spesso vi è un significativo cambiamento di umore e di comportamento e nei freddi giorni bui dell'inverno vengono rimossi e le calde giornate di sole della primavera arrivano le persone. Questi cambiamenti di umore e di comportamento sono stati attribuiti a febbre primavera. Per coloro che vivono nell'emisfero settentrionale, in particolare negli Stati Uniti e in Canada, sembra che ci sia una maggiore prevalenza di persone che soffrono di febbre primavera, con i sintomi di solito iniziano a metà marzo ad aprile.
Molte persone con la febbre primavera si lamentano di stanchezza, mal di testa e dolori muscolari, perdita di appetito e altri disturbi fisici e psicologici. I bambini sono venuti a perdere la scuola in alcuni di quei primi giorni di primavera, con una voglia incontrollabile di uscire e liberarsi delle depressione invernale.
:brood: quando non piaci a nessuno devi avere ragione, altrimenti non vali niente. Dr House :vicki:  applicazioni in cucina

Offline frugiter

  • Global Moderator
  • Civetta Tre stelle Michelin
  • *****
  • Posts: 10446
  • alle critiche non si ribatte, le si ascolta
    • applicazioni in cucina
Re:MAMMA MI RACCONTI... MAGGIO
« Reply #22 on: Thursday, 22, May 2014, 04:29:49 PM »


22 MAGGIO

LE TRE VOLPI AMICHE

C'erano una volta tre piccole volpi che stavano sempre insieme e dividevano tra loro tutte le cose.
- Un poco per uno non fa male a nessuno - mormoravano rannicchiate tutte e tre in un caldo e comodo tronco cavo.
- Uno per tutti e tutti per uno - dicevano preparando il stufato in una grande casseruola fumante.
Quando un cane dava la caccia ad una di esse, presto si trovava inseguito da tutte e tre. Ma un giorno le tre volpi andarono a pescare.
Sedettero sulla riva con tre canne, tre ami, tre vermi grassi, pensando al delizioso pranzetto di pesce fresco che avrebbero avuto.
Presto una delle piccole volpi prese una trota molto piccola, proprio solo un bocconcino. Poi la seconda volpe prese un luccio discreto, grande abbastanza per la gran fame che aveva.
- Povera me! - gridò allora, mettendosi il pesce sotto il braccio - Mi ricordo soltanto ora che è il compleanno di una mia zia, alla quale ho promesso di aiutarla a soffiare sulle candeline della torta.
Stava già per svignarsela per conto suo col il pesce, quando la terza volpe prese un salmone splendido, per un lauto banchetto.
- Ehm, bene - balbettò la volpe con il luccio - forse il compleanno della zia non è proprio oggi; del resto la zia è abbastanza grande per soffiare le conadeline da sola.
E cominciò a darsi da fare cercando rami e sterpi per accendere il fuoco, mentre le altre volpi, che sapevano benissimo che non aveva alcuna zia, ridevano e stavano a guardare.
:brood: quando non piaci a nessuno devi avere ragione, altrimenti non vali niente. Dr House :vicki:  applicazioni in cucina

Offline frugiter

  • Global Moderator
  • Civetta Tre stelle Michelin
  • *****
  • Posts: 10446
  • alle critiche non si ribatte, le si ascolta
    • applicazioni in cucina
Re:MAMMA MI RACCONTI... MAGGIO
« Reply #23 on: Friday, 23, May 2014, 07:54:34 PM »



23 MAGGIO

S'E' ROTTA LA LUNA

La luna bianca, tonda, luminosa,
galleggiava nell'acqua ferma e bruna
quando avvenne una cosa  misteriosa:
un bel ranocchio si tuffa in laguna
ed in mille frammenti scintillanti
si rompe la meravigliosa luna
e si dissolve nell'acqua profonda.
Ma presto l'acqua torna ferma e piana,
torna la luna ad esser rotonda
e immota quasi fosse porcellana.
Non avrei mai potuto immaginare
la dea luna sconvolta da una rana!

:brood: quando non piaci a nessuno devi avere ragione, altrimenti non vali niente. Dr House :vicki:  applicazioni in cucina

Offline frugiter

  • Global Moderator
  • Civetta Tre stelle Michelin
  • *****
  • Posts: 10446
  • alle critiche non si ribatte, le si ascolta
    • applicazioni in cucina
Re:MAMMA MI RACCONTI... MAGGIO
« Reply #24 on: Saturday, 24, May 2014, 10:24:42 PM »


24 MAGGIO

NON VOGLIO METTERE IN ORDINE!

Non voglio mettere in ordine! Piagnucolava Giacomino.
Nel salotto c’era un disastro di giochi, colori e fogli di carta colorati per metà, il tutto sparpagliato accuratamente.
La giornata era stata particolarmente divertente: prima Giacomino di buona mattina aveva giocato con le macchinine, facendole correre per strade e autostrade immaginarie attorno alle poltrone e al divano; poi stanco per tutti quei chilometri, aveva pensato di ritagliare delle forme di carta da un quaderno, colorato e incollato; poi le costruzioni avevano dato l’opportunità a Giacomino di cimentarsi nella costruzione di un grande condominio!
Adesso era quasi l’ora di andare a letto, Giacomino già infilato nel suo caldo pigiamino, con i dentini appena lavati, si trascinava per il salotto inventando mille scuse per non riordinare il gran disordine.
La Mamma insisteva, e Giacomino non voleva saperne.
Allora alla Mamma venne un idea!
- Che ne dici Giacomino se lasciamo tutti i giochi così in disordine e prima di andare a letto facciamo un bel gioco?
- Siii! Questa si che è una bella idea. Disse Giacomino improvvisamente rianimato!
- Dunque il gioco è semplicissimo: noi siamo dei pirati - disse la Mamma saltando sul divano e raccogliendo le gambe in modo da non toccare terra - abbiamo appena astato un galeone pieno di tesori, e adesso dalla nostra nave dobbiamo raccogliere tutti i tesori senza cadere in acqua!
- Siii!!!! - Giacomino saltò tutto felice sulla sua nave pirata, legandosi un fazzoletto a mo’ di bandana sulla testa, e iniziò a pescare tutti i tesori! Le macchinine diventavano improvvisamente delle pietre preziose, e venivano riposte nel forziere delle pietre. I colori erano barre d’oro e d’argento e accuratamente messe nei bauli, i fogli mappe di tesori nascosti e le costruzioni monete e gioielli da non perdere assolutamente!
Come due bravi pirati, senza nemmeno bagnarsi un pochino, dalla loro nave-divano in un batter d’occhio avevano raccolto ogni giocattolo-tesoro!
Alla fine Mamma disse: - Adesso tocca al mio tesoro più grande! - Prese in braccio Giacomino e lo accompagnò nel suo lettino. Dopo un bel bacio e un pochino di coccole Giacomino si addormentò felice.
:brood: quando non piaci a nessuno devi avere ragione, altrimenti non vali niente. Dr House :vicki:  applicazioni in cucina

Offline frugiter

  • Global Moderator
  • Civetta Tre stelle Michelin
  • *****
  • Posts: 10446
  • alle critiche non si ribatte, le si ascolta
    • applicazioni in cucina
Re:MAMMA MI RACCONTI... MAGGIO
« Reply #25 on: Sunday, 25, May 2014, 08:28:15 PM »


25 MAGGIO

I PICCOLI DEL PETTIROSSO

Il signor Pettirosso era molto deluso, quando vide i rugosi, magri, piccoli, implumi che erano usciti dalle belle uova azzurre.
- Non hanno altro che becco! - disse.
_ Certo - disse la mamma Pettirosso - hanno fame. Cerca qualcosa da mangiare.
Il povero Pettirosso volò via mortificato a cercare vermi e insetti in posti un po' fuorimano; ma gli capitava ugualmente di incontrare amici che chiedevano se gli uccellini erano nati.
- Non ancora - diceva il Pettirosso in fretta - non ancora!
Le cose continuarono così per giorni e giorni. Infine lo Scoiattolo, il Coniglio  e la Gazza annunciarono  che i loro piccoli erano nati e invitarono il Pettirosso a vederli.
Quando il Pettirosso vide che i piccoli dello Scoiattolo, del Coniglio e della Gazza erano tutti rugosi, magri e sgraziati, si sentì molto meglio per quanto riguardava i suoi piccoli.
- Anche i miei piccoli sono nati - girdò con orgoglio - Venite a vederli.
I piccoli pettirossi, ormai erano diventati grossi e vivaci, con morbide piume e occhi rotondi e vispi. Gli amici del Pettirosso proclamarono che i suoi piccoli erano i più belli di tutto il vicinato. Il Pettirosso allora prese a saltellare con tale orgoglio di padre, che mamma Pettirosso dimenticò di essersi arrabbiata e volò a cercare il prossimo pasto.

:brood: quando non piaci a nessuno devi avere ragione, altrimenti non vali niente. Dr House :vicki:  applicazioni in cucina

Offline frugiter

  • Global Moderator
  • Civetta Tre stelle Michelin
  • *****
  • Posts: 10446
  • alle critiche non si ribatte, le si ascolta
    • applicazioni in cucina
Re:MAMMA MI RACCONTI... MAGGIO
« Reply #26 on: Monday, 26, May 2014, 10:02:45 PM »


26 MAGGIO

IMBARCAZIONI

A  me piacciono  le barche
siano cutter, siano stelle,
quelle a remi e a motore,
son davvero tutte bell!

Cosa dir dei motoscafi,
dei grandissimi vapori,
e dei bei sottomarini
e dei gran rimorchiatori?

E i battelli che  la sera
con l'orchestra, illuminati,
lenti navigan sull'acqua,
forse li hai dimenticati?

Vorrei fare il marinaio,
il nostromo o il secondo,
meglio ancora il timoniere
e girare tutto il mondo.
:brood: quando non piaci a nessuno devi avere ragione, altrimenti non vali niente. Dr House :vicki:  applicazioni in cucina

Offline frugiter

  • Global Moderator
  • Civetta Tre stelle Michelin
  • *****
  • Posts: 10446
  • alle critiche non si ribatte, le si ascolta
    • applicazioni in cucina
Re:MAMMA MI RACCONTI... MAGGIO
« Reply #27 on: Tuesday, 27, May 2014, 04:15:04 PM »


27 MAGGIO

IL GALLETTO CHICCHIRICCHI'

- Chicchirich' - gridò un allegro galletto su di un trespolo chiamando il sole.
- Molto rumore per nulla - moromoravano le galline, intente a deporre le uova. - Canta sempre, ma non ha mai deposto un uovo in vita sua.
- Ah si' - ribattè il galletto - Allora sappiate che se volessi potrei deporre uova anche io. E CHE SE DEPONESSI UOVA IO, sarebbero grandi come il sole e non bianche ma di tutti i colori come la mia coda, verdi, viola, rosse..
Gonfiò il petto, per fare maggiore impressione alle galline, ma una disse:
-Perchè non provi allora? Perchè? Perchè? Perchè?
- Perchè non voglio, ecco perchè. Perchè se lo facessi vi farei vergognare delle vostre uova Vi umilierei e vi farei diventare tristi, mentre invece il mio compito e di tenervi in allegria e in buona salute!
Le galline si guardarono l'un l'altra. Non erano ben sicure se il gallo si vantava o diceva al verità; ma siccome nessuna voleva correre il rischio di essere umiliata e triste, tutte continuarono a deporre le uova in silenzio.
L'allegro galletto sbattè le ali e chiamò il sole, che era già alto sulla montagna e sembrava un grandissimo uovo dorato
:brood: quando non piaci a nessuno devi avere ragione, altrimenti non vali niente. Dr House :vicki:  applicazioni in cucina

Offline frugiter

  • Global Moderator
  • Civetta Tre stelle Michelin
  • *****
  • Posts: 10446
  • alle critiche non si ribatte, le si ascolta
    • applicazioni in cucina
Re:MAMMA MI RACCONTI... MAGGIO
« Reply #28 on: Wednesday, 28, May 2014, 03:46:10 PM »


28 MAGGIO

GRANDE, PIU' GRANDE, GRANDISSIMO

- AH piccolo pesce palla! - disse una sogliola - Io sono più grande di te e sarò ancora più rotondetta dopo che ti avrò ingoiato!
E lo fece per davvero. Ma un tonno disse:
- Io sono più grande di te e  più lungo e più forte e pronto per la cena.
E il tonno inghiottì la sogliola
Ma un dentice, rise e saltò e gridò:
- Io sono così grosso da ingoiarti in un istante e mi resta ancora lo spazio per una piccola medusa.
Uno, due, tre e inghiottì il tonno.
Ma un pescecane si avvicinò e gridò feroce:
- IO sono grande abbastanza da ingoiare due dentici!
IN un baleno, inghiottì il dentice e se ne andò. "Per quanto grosso" pensò "devo fare attenzione: c'è qualcuno più grosso di me"
Infatti era vero, perchè poco dopo una rete scese da una nave e catturò il pescecane.
Ora il mare era deserto.
C'era soltanto un pesciolino piccolo, così piccolo che nessuno era riuscito a vederlo.
:brood: quando non piaci a nessuno devi avere ragione, altrimenti non vali niente. Dr House :vicki:  applicazioni in cucina

Offline frugiter

  • Global Moderator
  • Civetta Tre stelle Michelin
  • *****
  • Posts: 10446
  • alle critiche non si ribatte, le si ascolta
    • applicazioni in cucina
Re:MAMMA MI RACCONTI... MAGGIO
« Reply #29 on: Thursday, 29, May 2014, 04:19:00 PM »


29 MAGGIO

POVERO VECCHIO RAGNO

Povero vecchio ragno! Aveva filato una bella tela in cucina e la cuoca l'aveva spazzata via. Ne aveva filata un'altra in un angolo del salotto  e una cameriera l'aveva distrutta spolverando. Il ragno aveva allora provato nella camera del bambino e in quella del maggiordomo e in quella degli ospiti; ma la bambinaia e il maggiordomo l'avevano distrutta subito e l'ospite, una vecchia signora in camicia da notte, aveva gridato fono a che era arrivata la scopa dal manico lungo a spazzarla via.
- Povero me - sospirò il povero rango - Non posso stare da nessuna parte.
Tristemente seguì la scopa, sperando almeno di riprendersi una mosca che stava ancora imprigionata in un brandello di tela che pendeva dal manico. Attraversò così il cortile e giunse nella stalla.
Bzz, bzz, bzz, c'erano mosche dappertutto e i cavalli agitavano le code per scacciarle.
In men che non si dica il ragno filò una tela e catturò tre di quelle bestiole pestilenziali.
- Che bravo! - esclamarono i cavalli soddisfatti - Resti qui, signore, e fili tante tele!
- Resterò di sicuro - disse il ragno sorridendo, senza sapere se era più contento per l'abbondanza di mosche o per il complimento.
:brood: quando non piaci a nessuno devi avere ragione, altrimenti non vali niente. Dr House :vicki:  applicazioni in cucina